Rinnovo Cessione del Quinto

Hai già un prestito in corso, ovvero quello della cessione del quinto, ma hai bisogno di altro denaro per affrontare determinate spese?
Ecco come procedere per poter sfruttare il rinnovo cessione del quinto.

La cessione del quinto: di cosa si tratta?

La cessione del quinto, come ben saprai, è un tipo di prestito che potrai richiedere solo ed esclusivamente se sei un dipendente, sia privato che pubblico.
Questo criterio risulta essere fondamentale: se sei un lavoratore autonomo, come ad esempio un libero professionista che opera nel settore edilizio, non potrai richiedere questo tipo di finanziamento.

Devi anche sapere che, l’ammontare della somma di denaro che ti verrà concessa, varia in base ad una serie di caratteristiche: anzianità di lavoro, TFR accumulato e stipendio rappresenta i tre criteri che ti permetteranno di capire a quanto ammonterà, con precisione, il prestito che potrai richiedere e soprattutto la rata che dovrai pagare. Sappi ovviamente che, tutti questi criteri, valgono anche per il rinnovo cessione del quinto.

Inoltre devi sapere anche che, la rata che dovrai rendere, sarà pari a ad un quinto del tuo stipendio: tieni quindi gli occhi ben aperti su questo particolare dettaglio ed effettua bene il calcolo cessione del quinto quando lo richiedi.

Se opti per un finanziamento lungo, la rata sarà bassa mentre se vuoi estinguere velocemente il debito, il quinto dello stipendio o poco più in base alla velocità di restituzione del prestito, sarà prelevato dal tuo stipendio.

Come funziona il rinnovo cessione del quinto

Prima di parlare della rinegoziazione cessione del quinto è bene che tu sappia un altro tipo di dettaglio su questo particolare finanziamento.

Sicuramente, quando senti parlare di prestiti, sarai sicuro del fatto che sarai tu a dover rendere la somma di denaro tramite le rate. Ebbene, con la cessione del quinto, la musica risulta essere leggermente differente.

In questo caso, infatti, a rendere il denaro per conto tuo è il datore di lavoro: egli svolgerà una serie di pratiche, che riguardano i conti su TFR e contatti con gli enti provvidenziali quali INPS e solo dopo la consultazione e l’accettazione del preventivo tu potrai riuscire a sfruttare al massimo questo particolare finanziamento.

La cessione del quinto è come una catena di montaggio: il datore di lavoro chiede il prestito personale a nome tuo, come se fosse un garante, l’ente concede il denaro e l’azienda pagherà il tuo debito, prelevando dal tuo stipendio la rata e gli interessi che caratterizzano appunto questo particolare tipo di finanziamento.

Come potrai ben notare, il fatto che tu debba essere un dipendente rappresenta il criterio fondamentale che caratterizza il finanziamento stesso. Per questo è bene che tu cerchi di sfruttare le offerte che potrebbero esserti proposte da parte di diversi enti: questo in quanto, il denaro che dovrai pagare, sarà poco incisivo sulla busta paga e tu potrai essere in grado di poter evitare una vasta serie di conseguenze negative.

Detto questo, vediamo ora come funziona il rinnovo di questo finanziamento, che potrai richiedere nel momento in cui tu decidi di sfruttare al massimo questa particolare tipologia di opportunità.

Rinnovo cessione del quinto: in cosa consiste

La cessione del quinto potrebbe essere un finanziamento che, seppur semplice, non ti permette di poter riuscire a far fronte alle diverse spese che devi sostenere ad esempio per poter rinnovare la tua casa. Ecco allora che spunta l’occasione di sfruttare il rinnovo cessione del quinto, opzione che non devi assolutamente sottovalutare e che sarà in grado di farti ottenere diversi vantaggi. Ma ora ti domanderai: con questo rinnovo sto accendendo un nuovo debito e quindi dovrò pagare ben due rate?

La risposta risulta essere negativa: per tua fortuna potrai evitare di dover aggiungere un nuovo debito alla tua busta paga, cosa che ti permetterà di evitar dei sacrifici economici talvolta molto pesanti. Il rinnovo della cessione del quinto risulta essere molto semplice: si tratta semplicemente di poter ottenere delle nuove liquidità che annulleranno il debito precedente e che ovviamente aumenteranno la lunghezza del suddetto prestito.

Sostanzialmente non farai altro che concludere un prestito per poterne pagare un altro. Questo particolare tipo di rinnovo possiede delle caratteristiche che risultano essere uniche, come ad esempio la possibilità di lasciare completamente inalterata la rata che sostieni mensilmente.

Rinnovo Cessione del Quinto: quali sono i vantaggi

  • Avere una nuova somma di denaro a tua disposizione
  • Annullerai completamente il debito che hai acceso precedentemente
  • Potrai evitare di far aumentare la somma di denaro che dovrai restituire mensilmente
  • Potrai evitare di dover richiedere un secondo finanziamento che potrebbe incidere negativamente sulle tue finanze

Si tratta quindi di un ottimo procedimento che ti garantisce la concreta possibilità di lasciare inalterata la situazione precedentemente creata.

Come funziona il rinnovo della cessione del quinto

Il rinnovo della cessione del quinto risulta essere uno strumento che ti permette di poter avere delle nuove liquidità. Partiamo subito con la situazione basilare: supponiamo quindi che hai un debito di cinque mila euro con rate da due cento euro mensili da pagare. Come potrai ben notare, la durata del tuo finanziamento risulterà essere pari a venticinque mesi, ovvero circa due anni. Ebbene potrebbe accadere che, in certo momento della tua vita, si affaccia la possibilità di poter effettuare una nuova spesa che ti permette di cambiare, ad esempio, l’arredamento della tua casa.

I cinque mila euro non saranno sufficienti e stai pensando di richiedere un nuovo prestito di altri cinquemila euro. Ebbene, potrai richiedere il rinnovo della cessione del quinto, il quale ti permetterà di poter ottenere nuovo denaro senza dover aumentare la somma di denaro delle rate. In questo caso potresti chiedere diecimila euro, di cui cinquemila serviranno per poter coprire il debito precedentemente acceso. Supponiamo che devi ancora pagare duemila euro di debito: ti rimarranno ben ottomila euro per poter effettuare le spese che reputi necessarie per rifare il look alla tua casa. La rata rimarrà inalterata e quindi potrai continuare a pagare i tuoi duecento euro mensili.

Ovviamente, come facilmente intuibile, dovrai ripartire da zero con la restituzione del prestito: la quantità di mesi sarà pari a cinquanta, ovvero il doppio, visto che col rinnovo hai richiesto una somma di denaro doppia rispetto al primo debito, che moltiplica anche la durata dei mesi di restituzione. Si tratta quindi di un procedimento che non risulta essere complesso da analizzare e che potrai sfruttare a tuo piacimento. Ma attenzione però, visto che vi sono dei limiti che non devi assolutamente dimenticarti di rispettare.

Quando richiedere il rinnovo cessione del quinto

Per rinnovare la cessione del quinto devi rispettare determinati criteri che non devono essere sottovalutati e che risultano essere abbastanza semplici da ricordare.
Per legge, in base all’art 39 del D.P.R. 180/50, il tuo prestito potrà essere rinnovato solo ed esclusivamente se, il tuo piano d’ammortamento ovvero di restituzione delle rate, è arrivato oppure ha superato il quaranta percento complessivo.

Questo significa che devi aver reso quasi la metà del tuo prestito precedentemente acceso sfruttando la cessione del quinto. Per capire meglio come funziona il rinnovo è bene fare un esempio pratico, in maniera tale che tu possa avere le idee abbastanza chiare.

Prendiamo nuovamente in considerazione il prestito di cinquemila euro da restituire in ventiquattro mesi.
Potrai optare per il rinnovo cessione del quinto solo ed esclusivamente se hai effettuato il pagamento di dieci rate circa, ovvero il quaranta percento. Per essere maggiormente sicuro dovrai aver effettuato il pagamento delle rate per la metà del finanziamento in corso, ovvero per un totale di dodici rate, pari ad un anno di debito. Il debito, se viene conteggiato nella somma di denaro, deve essere pari a tremila euro minimi ancora: questo per il semplice fatto che, i due mila euro devono essere restituiti in quanto, questi, rappresentano l’esatto quaranta percento richiesto dalla legge.

Vi è però un caso particolare che riguarda la cessione del quinto ed il rinnovo che risulta essere anticipato. Se il tuo finanziamento risulta essere caratterizzato da una durata di circa sessanta mesi, ovvero cinque anni, avrai la possibilità di poter richiedere il rinnovo cessione del quinto prima dei quattro anni. In questo caso, però, il nuovo debito deve avere una durata che deve essere pari ad almeno dieci anni. Tieni ben presenti questi particolari tipi di dettagli, i quali risultano essere fondamentali ed in grado di offrirti la possibilità di poter evitare delle situazioni che risultano essere poco positive.

Il calcolo del netto del nuovo prestito

Non ti scordare assolutamente di un dettaglio che risulta essere particolare e che deve essere necessariamente rispettato. Esso consiste nel fatto che, il tuo prestito nuovo, sarà soggetto a delle detrazioni che riguardano gli interessi ed altri tipi di costi aggiuntivi. Come ben noto, quando si rinnova un prestito o si accende un debito, la somma di denaro che richiederai non sarà mai pari a quella che otterrai. Questo per il semplice fatto che, quella somma di denaro, risulta essere al lordo e non al netto, ovvero priva di ogni calcolo della spesa che dovrai sostenere. Anche per la richiesta del rinnovo della cessione del quinto vale la stessa ed identica regola, che non deve essere assolutamente sottovalutata.

Per poter scoprire a quanto ammonta il netto, da questa somma di denaro devi rimuovere gli interessi sul tuo precedente finanziamento che non sono stati ancora maturati. L’ente finanziario moltiplicherà la somma di denaro degli interessi per il numero di mesi restanti del tuo precedente debito ed effettuerà la prima detrazione. Successivamente, dalla somma di denaro richiesta, verrà detratto anche il totale della penale, che risulta essere pari all’un percento del nuovo capitale. Pertanto, se richiedi cinque mila euro, questa particolare detrazione sarà pari a cinque euro. Ovviamente, questa spesa non risulta essere sempre presente visto che, per legge, essa non viene vista come necessaria.

Sarà poi importante rimuovere, dalla somma di denaro richiesta con la cessione del quinto, i dietimi, ovvero altri interessi che riguardano il capitale restante, i quali verranno moltiplicati per il numero di giorni che riguardano la restituzione del debito. Si tratta quindi di un ulteriore interesse che deve essere conteggiato e che risulta essere differente dal primo, il quale viene calcolato sul totale del capitale richiesto. Infine devi prendere in considerazione tutte quelle spese accessorie che verranno calcolate e detratte dal capitale.
Ad esempio, le spese d’ufficio e delle richieste risultano essere presenti nelle suddette tipologie di spese dei rinnovi.

Risulta essere molto importante tenere in considerazione ogni singolo tipo di dettaglio, in maniera tale da evitare di rimanere con la faccia delusa quanto vedi una somma di denaro inferiore rispetto al capitale che hai richiesto.

Quanto devi aspettare?

Particolare attenzione al periodo di tempo che deve trascorrere prima che tu possa ottenere questo nuovo capitale. Devi prendere in considerazione che, quando si parla di rinnovo, le tempistiche potrebbero essere maggiormente lunghe. Questo per il semplice fatto che, il datore di lavoro, deve inviare diversi documenti agli enti finanziari e provvidenziali per poter procedere col rinnovo della cessione del quinto. Gli enti effettueranno un controllo che risulta essere maggiormente accurato e che sarà in grado di prendere in considerazione ogni tuo comportamento durante il periodo trascorso di reso del prestito stesso.

Dovrai quindi essere paziente prima di poter conoscere l’esito della tua nuova richiesta, la quale potrebbe essere valutato con attenzione. Se sei stato un ottimo pagatore, i controlli fileranno lisci e potranno durre poco tempo. Se invece ha saltato rate o adottato altri comportamenti poco consoni, allora i controlli dureranno parecchio tempo e non ti permetteranno di poter avere una risposta rapida e veloce. Sappi che, generalmente, dopo quindici giorni potrai essere in grado di conoscere l’esito della tua richiesta.

Questo qualora non vi siano elementi negativi come quelli prima citati. In caso contrario potrebbero volerci anche trenta giorni, cosa che non devi sottovalutare.
Abbi quindi pazienza e attenti l’esito della tua richiesta, che se in regola sarà sicuramente positiva e priva di conseguenze negative.

Sommario
Titolo
Rinnovo Cessione del Quinto
Descrizione
Leggendo l'articolo potrai scoprire tutti i dettagli legati al rinnovo cessione del quinto. Partendo da quando è possibile procedere, come far richiesta di rinnovo ed in fine quali sono i vantaggi nel rinnovo cessione del quinto se necessiti di nuova liquidità.
Autore
PrestitiaDipendenti.eu
Cessione del Quinto con Cassa Integrazione Cosa fare in caso di Cessione del Quinto con Cassa Integrazione La cessione del quinto con cassa integrazione avviene quando è in atto la cassa integrazione guadagni (CIG)  che consistente in una pres...
Guida Cessione del Quinto (CQS) Guida Cessione del Quinto (CQS) Guida Cessione del Quinto (CQS) la guida rapida e veloce sul miglior prestito per tutti i dipendenti privati, statali, pubblici, parapubblici, pensionati INPS e INPDAP...
Prestiti Cessione del quinto in caso di segnalazioni crif Può richiedere la cessione del quinto in caso di segnalazioni crif chi è considerato cattivo pagatore? Avendo una segnalazione in Crif, o in altre banche dati, l’unica possibilità di ottenere un prest...
Cessione del Quinto Stipendio e Pensione La Cessione del Quinto Stipendio e Pensione è il prestito con rate fino a 10 anni (o 120 mesi) trattenute direttamente dalla busta paga o dalla pensione, sia che si tratti della cessione del quinto de...
Valutazione
Sending
User Review
5 (2 votes)