Carta revolving senza busta paga: cos’è e come funziona

La carta revolving senza busta paga è una carta di credito che funziona come una carta prepagata e viene attivata dall’istituto bancario del richiedente. La carta revolving mette a disposizione una cifra pari ad alcune migliaia di euro, da restituire in rate mensili o in un’unica soluzione; in caso di rateizzazione, la banca applica degli interessi variabili. Il funzionamento della carta revolving è molto semplice e permette ai consumatori di affrontare spese impreviste ricevendo un credito al proprio istituto bancario: il cliente può ritirare la carta direttamente allo sportello o richiedere la spedizione a domicilio.

CONFRONTA CARTE DI CREDITO

Una volta ottenuta la carta di credito, è possibile spendere l’intero importo caricato che dovrà poi essere restituito compresi gli interessi; la carta, in questo modo, può ricaricata più volte fino alla data di scadenza. Il funzionamento di una carta revolving senza busta paga, in conclusione, è simile a quello di un comune finanziamento bancario; utilizzare questa carta di credito, perciò, consente di gestire in maniera tranquilla spese e altri imprevisti.

Carta revolving senza busta paga: come ottenerla?

La carta revolving senza busta paga dev’essere richiesta direttamente alla propria banca o al proprio istituto finanziario; per ottenerla non è necessario essere in possesso di una basta paga ma occorre ugualmente rispettare determinati requisiti. Ogni istituto applica condizioni differenti e può richiedere, ad esempio, l’apertura di un conto corrente per poter ricevere la carta di credito revolving; in altri casi, può essere sufficiente dimostrare il possesso di immobili oppure un flusso di denaro derivante da affitti, assegni e altri entrate. In alternativa, la banca può richiedere la garanzia di una terza persona per emettere la carta di credito. A seconda dei criteri, quindi, è possibile fare riferimento a un differente istituto bancario; fatto ciò, non resta che inoltrare la richiesta, scegliendo l’importo da caricare e l’importo delle rate mensili, e ritirare la propria carta revolving senza busta paga.

Migliori carte revolving online senza reddito dimostrabile

Tra le migliori carte revolving che possono essere richieste senza reddito dimostrabile è possibile citare le carte Viabuy, Youcard e Flexi; queste carte sono accessibili a tutti e possono essere utilizzate per effettuare pagamenti di vario genere.

Viabuy è una carta Mastecard che funziona come una carta di credito ma può essere richiesta anche senza presentare una busta paga; per il rilascio di questa carta, infatti, non è necessario verificare le condizioni finanziarie del cliente.

La carta Youcard viene rilasciata dal Banco Popolare ed è una carta prepagata che viene ricaricata periodicamente; i servizi offerti da una carta prepagata sono numerosi, mentre sono poche le limitazioni imposte da questo tipo di carta.

CONFRONTA CARTE DI CREDITO

Carta Flexia, infine, è una carta Unicredit che si caratterizza per la sua flessibilità; oltre ad avere tassi di interesse inferiori rispetto a quelli di molte altre carte revolving, Flexia consente di scegliere tra diverse modalità di rimborso.

Findomestic: dal prestito personale alla carta di credito Findomestic è una delle più grandi compagnie presenti sul mercato creditizio italiano ormai da molti anni. I prodotti che presenteremo oggi sono i prestiti personali findomestic e la carta di credito Aura. Findomestic: dal prestito personale alla ca...
I passi da compiere per avere una carta di credito I passi da compiere per avere una carta di credito Per richiedere una carta di credito bisogna innanzitutto stabilire i propri obiettivi e le proprie disponibilità economiche. Capire l'uso che vogliamo fare della nostra carta è importante per poter ...
Conti Correnti a Zero Spese Se devi aprire un conto corrente nelle migliori banche online per accreditare stipendio o altri incassi, averne a disposizione uno senza spese è probabilmente ciò che più desideri! Ma non solo: se hai già un rapporto bancario e ti sembra che costi...

Lascia un commento

 

Chiudi